"Perché una realtà non ci fu data e non c'è; ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere; e non sarà mai una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile"

(Luigi Pirandello)

lunedì 31 agosto 2009

Parentesi bioetica. Sull'aborto, la RU186, l'obiezione di coscienza.

A partire da un articolo di Silvia Ballestra: "La tecnica, l'etica e il corpo femminile".





Vi avevo anticipato che mi sarei ritagliata momenti dedicati alla riflessione e squarci grandi per la bioetica, insieme alle solite ricette.

E questo è uno di quei momenti.
La bioetica  ormai per me è diventata una fissa: un habitus mentale, un crtiterio di selezione quasi automatico delle notizie che leggo o che scorgo. Da quando ho deciso che quello sarebbe stato il mio argomento di tesi, non mi ha abbandonato un solo istante. 
Ho solo il rammarico di non riuscire a restare sempre aggiornata sugli ultimi svolgimenti del dibattito bioetico che rivela tuttavia continuamente nuove chicche e spunti di riflessione: questa che vi accenno qui è stata destata da un articolo di Silvia Ballestra, scrittrice italiana attiva fin dal 1990 e sensibile ai temi dell'aborto e della questione femminile (di lei ho letto il libro Piove sul nostro amore. Una storia di donne, medici, aborti, predicatori e apprendisti stregoni, edito nel 2008 da Feltrinelli), pubblicato su "Repubblica" il 21 agosto 2009, cioé pochi giorni fa.
La Ballestra parte dall'auspicio, evidentemente pronunciato da Umberto Veronesi, del conseguimento di una parità assoluta uomo-donna, senza mezzi termini. E si sofferma a riflettere sull'argomento bioetico tra i più scottanti di questo periodo, più che altro per il gran, prevedibile, polverone, sollevato dalla Chiesa e dai chiesaroli che invadono il Parlamento italiano. Mi sembra di poter sintetizzare la questione che muove l'articolo, o alla cui luce comunque l'ho letto, con la domanda più elementare e forse la più filosofica del mondo: "Perché?"
Perché accanirsi contro la pillola abortiva, quando la legge 194 (quella che regola l'aborto chirurgico) è stata accettata, anche se con una certa amarezza (ancora, in effetti, viene spesso messa in discussione o attaccata), da 30 anni ormai? Perchè, alla resa dei conti, che differenza fa?
Aborto è sempre aborto, e una volta che lo si giudica moralmente disdicevole, lo è sia praticato con la chirurgia che con la pillola. In questo senso mi ritrovo, ahimé, d'accordo con la senatrice Pd (oltretutto numeraria dell'Opus Dei) Paola Binetti che, in un articolo del 31 luglio 2009, sostiene che "non è il modo che cambia la sostanza e l'aborto è sempre sbagliato per un cattolico"

La Ballestra si pone la mia stessa domanda: "Ma perché desta tanto scandalo la pillola abortiva quando l’aborto è legale da trent’anni? Qual è il vero salto culturale? Cos’è che turba tanto gli oppositori più veementi?"
Bagnasco, presidente della Cei, ha parlato di "banalizzazione dell'aborto"... come se l'aborto stesso fosse banalizzabile in qualche modo, come se una donna che sceglie di abortire lo facesse a cuor leggero.
In un altro articolo ancora, pubblicato su L'Unità il 5 gennaio 2009, la stessa Ballestra affronta il problema della banalizzazione, chiedendosi se davvero la pillola arriva a rendere più facile l'aborto stesso: "Sono argomenti usati soprattutto dagli uomini (i preti, Ferrara, e ciellini vari). L’aborto medico, come raccontano le stesse donne francesi che lo scelgono in gran numero sin dal 1981, non è meno umiliante, lacerante e traumatizzante dell’aborto chirurgico. Semmai può risultare più doloroso dell’altro che prevede un’anestesia, spesso totale. La Ru 486 comporta sanguinamento, come tutti i farmaci ha delle controindicazioni, non si può prevedere il momento in cui avverrà l’espulsione, deve essere presa entro la settima settimana di gravidanza. In più la donna segue in piena coscienza – anzi, deve proprio controllarne l’andamento – il processo abortivo. Dunque dove starebbe la famigerata «banalizzazione»? Banalizzazione è un termine usato in assoluta malafede dai cosiddetti «prolife» per non rivelare la vera conquista della Ru 486. Il metodo medico non semplifica l’aborto in sé: ne semplifica le procedure."
Ne semplifica le procedure. Non semplica l'aborto stesso.
La Ballestra offre una interessante chiave interpretativa riguardo alla posizione dei pro-life nei confronti della pillola abortiva. Tutto sta, a suo parere, nell'autonomia guadagnata dalla donna nei confronti del medico, che è in parte sollevato da parte del lavoro.
Spesso fanno passare questa RU186 come una caramellina che una mastica senza riflettere, senza pensare, con leggerezza e quasi allegria: ma è ovvio che non è così! che essa non viene data a cuor leggero e banalmente... E' necessaria comunque, ovviamente, la figura del medico, che deve "verificare che vi siano le condizioni adatte, seguire il buon andamento, verificare l'esito". Non capisco come si possa pensare che si arrivi a distribuire la RU186 nei distributori automatici...
Eppure il medico qualcosa ci perde, nel senso che è esonerato da parte del lavoro, che viene svolto attivamente, coscientemente, dalla donna stessa.
La Ballestra riporta una testimonianza che mi ha lasciato l'amaro in bocca, perché evidenzia la grande potenzialità della pillola abortiva: la piena, totale, presa di responsabilità da parte della donna stessa, l'assunzione totale e autonoma della sua (checché se ne dica) dolorosa scelta: "Colpisce una testimonianza riportata da Giovanni Fattorini nel suo libro 'Aborto: un medico racconta trent' anni di 194:' parla di una ragazza che ha scelto la Ru186 non per la minore invasività, ma per la volontà di vivere fino in fondo l' esperienza del lutto, lontana da ipocrisie sanitarie. 'Aveva deciso di rinunciare a un figlio e voleva farlo lei, non delegarlo a nessuno [...]' "
Si tratta quindi, dice Ballestra, di un ulteriore atto di autodeterminazione. La cosa che nel dibattito sembra non emergere, e Ballestra lo nota fin dall'inizio, è che nessuna è costretta ad accettare la RU186, così come nessuna è costretta ad abortire, sia chirurgicamente che farmacologicamente: si tratta semplicemente di una ulteriore possibilità di scelta, di una nuova opportunità, di un'alternativa che, ovviamente, non va affrontata a cuor leggero (è necessario consultarsi col proprio medico, visto che la RU186 non è adatta a tutte... così dice Ballestra, e io faccio l'azzardo di fidarmi ciecamente). E' un'alternativa, una possibilità, una opportunità, che non vincola e non obbliga nessuna a percorrerla.Il fatto che si possa abortire, e che si possa abortire farmacologicamente, non implica che si debba abortire!
La discussione rischia di scivolare sulla questione del potere e del dovere, che non voglio affrontare e che comunque vale per l'aborto in generale, e non solo quello farmacologico... e quindi svicolo al risposta a quel perchè con cui ho iniziato. (En passant, noto che nemmeno penso di potervi rispondere, in tutta sincerità... non ho gli strumenti per farlo... perdonatemi questo lapsus freudiano in cui manifesto indubbiamente una certa presunzione)
Perché questa obiezione sfrenata alla RU186? Ballestra da' due interpretazioni alquanto interessanti: la conquista maggiore, ancora, dell'autodeterminazione, della possibilità di esser parte attiva della propria scelta. Sembra quasi che sottintenda che coloro che si oppongono alla RU186 abbiano qualcosa da ridire con una maggiore autodeterminazione, soprattutto nel campo della scelta dell'aborto. Una maggiore possibilità di scelta (una nuova scelta riguardo alla modalità dell'abortire) non può che far paura a chi vi si oppone con tutte le sue forze catalogandolo come atto immorale.
Non che questo dia più credito al loro spauracchio secondo cui con la RU186 gli aborti aumenteranno... Non si abortisce per gioco ma dopo una dolorosa scelta. Credo che entrambe le modalità prevedano un precedente lavoro di riflessione e valutazione, che l'aborto farmacologico non sminuisce affatto.
E poi Ballestra solleva un argomento ancor più interessante, e su cui mi interrogo da un annetto: il fatto dell'obiezione di coscienza. In teoria tutti possono essere obiettori, anche chi spazza la sala operatoria (non so se c'è qualcuno che spazza la sala operatoria... ma era per rendere la portata della cosa): infermieri, anestesisti, ginecologi, persino portantini...
Con la RU186 la cosa si fa più circoscritta (solo al medico e al paziente) e l'obiezione sembra, anche a questo livello, perdere molta della sua forza. E questo spaventa quelli che, giudicando l'aborto sbagliato sempre e comunque, vedono nell'obiezione di coscienza un buon modo per frenare la pratica abortiva. La RU186 quindi secondo Ballestra "è anche un ottimo modo per risolvere, in parte, l' annoso problema dell' obiezione di coscienza che - al contrario delle interruzioni di gravidanza, dimezzate in trent' anni - è la vera emergenza a proposito di aborto."
E allora capisco, provo a capire, la paura e l'allarme all'arrivo di questa pillola. S'indebolisce l'arma dell'obiezione di coscienza, che ancora non riesco a comprendere: cercate di capirmi, ho provato a spiegarmela, a darle un senso. E forse un senso lo ebbe quando, nel 1978, fu emanata la 194, che coinvolgeva medici che fino a quel momento erano stati (ufficialmente) interdetti nel praticare l'aborto. Era giusto, in un certo senso, tutelarli, una volta introdotta tale novità.
Ma adesso non è mica più una novità! Voglio dire, una volta che uno decide di fare il medico, lo sa che l'aborto è legale, lo sa che uno dei suoi compiti, insieme magari a fare prelievi del sangue, può essere anche praticare l'aborto.
Ma anche ammettendo la liceità, ancora, dell'obiezione di coscienza, perché (sempre quella domandina eh?) circoscriverla solo alla pratica abortiva? perchè non istituire l'obiezione anche, che so, per la trasfusione del sangue?
Io, medico testimone di Geova, sono obiettore per le trasfusioni perché le giudico contrarie al mio codice morale.
Così è per l'aborto, che coinvolge convinzioni e opinioni personali. Certo, nel caso dell'aborto è coinvolta un'altra vita (quest'asserzione è vera, qualunque significato si dia al termine vita e a quella vita messa in gioco): ma ognuno valuta, in relazione alla propria etica, il significato da dare all'altra vita in relazione alla propria, il valore che essa ha in rapporto alle proprie esigenze.
E' geneticamente ed empiricamente errato dire che l'altra vita in gioco, quella del feto, è come noi, perché così evidentemente non è, a meno che non si carichi di valore morale la semplice presenza del genoma umano (cosa peraltro fattibile e rispettabilissima, nel reciproco rispetto ovviamente). E questo è un fatto: non è un caso che il limite all'aborto chirurgico sia fissato entro i tre mesi (la somministrazione della RU186, addirittura, pare debba avvenire entro la settima settimana, al di sotto quindi di quello previsto dalla 194), quando il feto, o embrione che sia, è ancora così lontano da essere una creatura anche solo semplicemente senziente.
Il caricare la vita nascente, così diversa da noi o da un neonato (è evidente, non serve a nulla equiparare il feto di 2 settimane ad un neonato piangente), di un valore quale che sia, ad un livello quale che sia, è frutto di una scelta, che in quanto tale non può essere uguale per tutti. Non è un fatto.
Tornando a bomba, perché solo all'aborto questo privilegio dell'obiezione? Perché non a tutte le altre pratiche mediche? Su questa domanda, ancora, continuo a interrogarmi, trovando solo supposizioni vaghe che mi proiettano in una distopica teocrazia futura.


Concludo questo mio lungo sfogo riportandovi la fine dell'articolo di Ballestra, che sembra aprire una possibilità di respiro, o comunque da' una proposta semplice, intelligente, intuitiva, di possibilità di discutere. La discussione e la riflessione autonoma, forse, son l'arma per far chiarezza in questa strana trama che è la questione dell'aborto (ma non solo... non solo... forse dovrei parlare di questa strana trama che è l'intero tessuto politico-sociale italiano)


"[...] sarebbe bene poterne discutere liberamente. Discutere anche del nodo etico dell' aborto, oggi che si fanno meno figli e l' argomento è diventato più scottante. Col progresso della tecnica (non solo abortiva, ma anche di indagine prenatale), una serie di questioni un tempo impensabili investono la vita delle donne e le loro scelte. Si vorrebbe poterne parlarne senza inciampi patriarcali, vescovili o politici che costringono ad arroccarsi e divenire brutali. Il dolore, la qualità della vita, l' elaborazione del lutto, la responsabilità etica, la procreazione, sembrano oggi argomenti monopolizzati quasi esclusivamente dai proibizionisti. Ben venga il massimalismo auspicato da Veronesi. Intanto, concentriamoci su un minimalismo realizzabile qui e subito."

9 commenti:

  1. Ciao, bellissimo post, complimenti, mi riprometto di leggerlo con calma e ancora post piu' bello, seppur di diverso genere, sul tofu, complimentissimi!!io ancora non l'ho fatto in casa ma mi riprometto di farlo, emtro Natale ;))

    RispondiElimina
  2. Un nostro comune amico, Bertrand Russell, ha detto che sia lo stato che la Chiesa sono contrari al libero pensiero, ma che la Chiesa è anche contraria all'istruzione.
    L'istruzione rende liberi: liberi perfino di soffrire in modo intimo il proprio dolore senza tirar per forza dentro 'la comunità', liberi di decidere da soli del futuro che ci aspetta.
    Bell'articolo!

    RispondiElimina
  3. ciao Giulia, prima di tutto complimenti per il post, molto molto bello, e complimenti per tutto il blog anch'esso molto interessante. Sai in parte sono la penso anch'io come te: visto che ormai l'aborto terapeutico è legale, non vedo perché alzare tutto questo polverone sulla pillola abortiva, un aborto resta tale sia che venga praticato da un medico,sia che si prenda la pillola. Leggendo il post mi sono venuti in mente degli spiacevoli episodi che mi sono capitati quando, durante l'ulima gravidanza, ho passato un mese in ospedale per un'infezione alla gamba. Inizio col dirti che prima negli ospedali, c'era la bruttissima abitudine di mettere nelle stesse stanze donne che avevano partorito o che erano prossime, con donne che avevano abortito sia spontaneamente che chirurgicamente, per fortuna hanno capito che era una cosa non molto carina, così le donne in degenza per aborto o minacce d'aborto, hanno una stanza distaccata dalle neo mamme. Io mi trovavo in una di queste stanze visto che ancora ero al quinto mese di gravidanza e com me c'era una mia amica che era stata ricoverata per un lieve distacco di placenta; una mattina arrivò una donna per un aborto terapeutico, non era il primo che praticava ma il quarto!!! Come se niente fosse ci disse che lei non voleva avere figli, io le risposi che se così era allora poteva tranquillamente usare un contraccettivo e lei seraficamente:" e perché sprecare soldi? vengo in ospedale e non pago niente!" ti giuro che avrei voluto strangolarla, è stata fortunata che non potevo nuovermi!!! e un'altra invece a mio parere ancora più brutta, è stata quando arrivò una ragazzetta che avrà avuto si e no 20-21 anni per praticare l'aborto. Quando è entrata in stanza piangeva, quando ha finito ed è tornata rideva e scherzava con le amiche e quel deficiente del ragazzo, ma la cosa che mi ha lasciato l'amaro in bocca è stato quando le ha telefonato la mamma e lei le ha detto che sarebbe rientrata tardi perché il mare era bellissimo e si stavano divertendo molto °_° avrei voluto strapparle il cellulare e dire alla mamma dove si trovava la figlia!!!! questo per commentare una tua frase: purtroppo alcune donne (spero sinceramente siano pochissime) prendono l'aborto a cuor leggero o ne approfittano per liberarsi di "un incidente di percorso"! In tutta sincerità non sono favorevole all'aborto se non in casi estremi, ad esempio donne che vengono violentate e poi scoprono di essere incinta...beh li non oso fiatare, oppure donne che scoprono che alla nascita il loro figliolo non ha possibiltà di vita...anche qui non oso proferire parola. Mamma mia che papiro che ti ho scritto, è meglio che mi fermi altrimenti faccio notte eheheh
    bacioni e alla prossima ;)
    Fiorella

    RispondiElimina
  4. @Lisette: Ciao e grazie della visita! Sì, lo so, in questo post mi son lasciata decisamente prendere la mano ed è venuta fuori una cosa un po' lunghetta... Per le prossime parentesi bioetiche (o per le prossime parentesi in generale) vedo di essere un po' più concisa ;-)
    Ti ringrazio davvero tanto per l'apprezzamento di questo e del precedente post... Sono contenta che tu sia rimasta più o meno entusiasta della ricetta del tofu. Se trovi un po' di tempo (come vedi non è tanto difficile quanto laboriosa) provalo! In tutta onestà anch'io è tantissimo che non me l'autoproduco, per mancanza di tempo e impegni di studio... magari nell'esortare te convinco anche me a mettermi all'opera ;-)
    Un saluto e un abbraccio

    Giulia



    @Gio: E ben diceva, Bertrand Russel! :-)
    Sono contenta tu abbia apprezzato l'articolo (ero un po' incerta nel mandarlo, all'inizio, eprché il tema è un po' forte e so di poter incontrare molte resistenze...). Il "problema" della Chiesa è che parte da posizioni assolutiste, per cui ciò che pensa lei (meglio, la dottrina che dice di professare) è vero in assoluto, e chi la pensa o agisce diversamente semplicemente sbaglia. Poi credo che sia ancora più complicata la questione e ci siano di mezzo troppi inquietanti giochi di potere...
    Ma queste sono illazioni di un'anticlericale e qui è meglio che taccia ;-)
    Grazie della visita, buonanotte

    Giulia


    @Fiorella: Ciao! Ho apprezzato tantissimo la tua testimonianza, e il fatto che tu mi abbia scritto "un papiro" dimostra solo la tua accuratezza nel descrivere.
    Io non sono contraria all'aborto, nel senso che non lo trovo moralmente ripugnante e penso sia legittimo lasciare a ognuna la possibilità di scegliere: non criticherei nemmeno una donna che sceglie di abortire un feto sano e non frutto di violenza, per il semplice fatto che sa di non potergli garantire una vita decente, o anche solo perché in quel momento pensa di non poter sostenere una gravidanza.
    Certo, quelle due testimonianze che mi porti (soprattutto la prima: "perché devo sprecare soldi? vengo qui e lo fanno gratis"... come se fosse una passeggiata! come se l'organismo poi non finisse per risentirne!; la ragazzina, forse, poteva semplicemente simulare un po' la sua paura, anche se da come la descrivi sembra essere un bel po' sciocca) sono sconvolgenti... io spero, come speri tu, che queste che prendono l'aborto a cuor leggero siano davvero poche, o siano eccezioni. Io credo, forse ingenuamente, che l'aborto sia una decisione meditata cui ci si arriva valutando varie componenti e che comunque un po' di sacrificio costa. (ma forse sono credenze mie, forse illusioni o idealizzazioni di una che non ha mai esperito un'esperienza del genere...)
    Adesso sarà meglio che stia zitta sennò il papiro lo faccio io.
    Grazie mille della testimonianza e del commento
    Un abbraccio e a presto :-)


    Giulia

    RispondiElimina
  5. L'autoderminazione fà paura al potere qualunque sia il soggetto che si vuole autodeterminare e qualunque sia il campo in cui ci si voglia autodeterminare. E' così spaventevole volere/ potere scegliere di se stessi e per se stessi? Domanda retorica, ovviamente (*_^)

    RispondiElimina
  6. Ciao io sono Tiziana alias Masterchef grazie per essere diventata una sostenitrice del mio blog....vedo che ti piacciono molto gli animali...anche mia figlia li ama tutti indifferentemente dal gatto al serpente (figurati)
    comunque spero che potremo scambiarci qualche ricetta e perchè no anche qualche chiacchiera
    ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  7. Bel post, molto bello.
    Mi piace la distinzione fra morale e etica professionale.
    La morale ha come sfera d'azione il personale, le proprie azioni fini a noi stessi, l'etica influisce anche sugli altri.
    A seconda del ruolo che siamo ( sic) deve prevalere l'una o l'altra.
    Belli i passi sulla autodeterminazione e la morale.
    Lorenzo

    RispondiElimina
  8. Ciao, non ci conosciamo ma mi permetto di lasciare la mia a questo tuo ottimo post.
    Condivido le tue posizioni, desidero solamente lasciare la mia testimonianza.
    Io l'aborto l'ho vissuto e ti posso confermare che non è una passeggiata, checché ne dica chiunque.
    Era il 1979, la 194 era ancora giovane e negli ospedali (almeno in quello dove sono andata io) le donne ricoverate per abortire erano relegate in una sorta di ghetto, ben lontane dalle donne "oneste" che invece facevano nascere i loro pargoli, e forse questa era cosa buona.
    Nella stanza eravamo in sei, io ero la più giovane e la sola alla prima esperienza (quindi le altre dovevano aver abortito in precedenza sui tavoli delle mammane). Non so come si sentissero, certo ostentavano disinvoltura, ma non credo fossero davvero così tranquille come volevano sembrare. So che a questo punto qualcuno potrebbe obiettare "ma perché non usavano anticoncezionali?". Rispondo che si, è vero, ma in quegli anni era ancora molto difficile avere una prevenzione efficace, io ero lì proprio per un errore del mio ginecologo e della pillola che assumevo.
    Non credo si possa prendere l'aborto alla leggera, è sempre e comunque un trauma. Personalmente posso dire che è stata una scelta sofferta ma meditata, alla quale sono giunta perché c'erano fondati motivi per temere gravi malformazioni al feto (come ho detto, prendevo la pillola, e all'epoca si usavano farmaci a dir poco devastanti) e se mi ritrovassi in quella situazione la mia scelta non cambierebbe, ciò però non significa che sia stato facile. Non si dimentica, è qualcosa che rimane lì, in un angolo della mente, e spesso fa capolino. Ripeto, solo l'assoluta convinzione di aver preso la decisione giusta fa sì che questo ricordo sia sopportabile.
    Quando sento parlare i vari papi, cardinali, ciellini e ferrarini vari (sempre uomini) avrei voglia di prenderli a calci per farli tacere: ma che ne sanno loro?
    Purtroppo solo i proibizionisti, come riporti in chiusura di post, hanno diritto di parola in questi tempi che non esito a considerare bui. Spiace ammettere che lo spirito che c'era negli anni '70 non vive più nelle donne d'oggi, forse solo in poche dinosaure come me, e se non sono le Donne a pretendere attenzione, rispetto e diritti, non sarà mai il potere pseudolaico o religioso a concederlo spontaneamente.
    Il "problema aborto" è proprio una questione di potere, il potere di controllo su di noi che vuole avere il mondo clerical-politico. La RU186 è solo un altro elemento da mettere nel gioco, nel Risiko che stanno combattendo sulla nostra pelle.

    RispondiElimina
  9. @groppona: ovviamente, domanda retorica... Avere potere sulle azioni e sulle coscienze altrui è molto allettante, e l'autodeterminazione e l'autoconsapevolezza rende più difficile un tale controllo.


    @Masterchef: Ciao Tiziana! E' un piacere leggerti. Sì, amo molto gli animali e cerco di rispettarli, bene o male, tutti (anche se con certe zanzare proprio non riesco a dialogare pacificamente...); non posso dire di amare i serpenti come i gatti... i primi mi trasmettono un'atavica inquietudine (forse un'eredità ancestrale dei nostri antenati ominidi)
    Sempre pronta a ricettare e chiacchierare ;-)
    Un abbraccio


    @logos nella nebbia: Ciao! ^_^ E' naturale che la morale non deve essere confusa con gli obblighi e con i doveri implicati in una professione... sono due ambiti distinti. Tanto più in questa società pluralista e relativista (nel senso "buono" del termine) ;-)
    Grazie
    un abbraccio


    @LaGatta: Ciao. Mi ha colpito ed emozionato il tuo commento. All'inizio per la testimonianza personale, che posso solo, con uno sforzo, immaginare (non avendo mai vissuto una simile esperienza); e poi per le osservazioni finali. Sono del tutto d'accordo con te.
    A condannare l'aborto e le donne che abortiscono sono per lo più uomini, ed è vero; e le donne di oggi non hanno più lo spirito dei "tuoi" tempi (e lo dico da donna di oggi, consapevole dei propri limiti); il problema aborto è esattamente una questione di potere, la RU186 un alto tassello da mettere in gioco...
    Le tue sono parole sagge di chi sa guardare la realtà con oggettività, ma senza essere fredda e distante. Complimenti.
    A presto
    un abbraccio


    Giulia

    RispondiElimina

Ogni commento, ogni osservazione, ogni domanda è una traccia di voi che resta nel mio blog e nella mia mente, e per me motivo di gioia e soddisfazione. Per questo e non per altro chiedo la moderazione per tutti i commenti che ricevo, per non perderne nemmeno uno... ^_^

Job Posting

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails