"Perché una realtà non ci fu data e non c'è; ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere; e non sarà mai una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile"

(Luigi Pirandello)

giovedì 24 dicembre 2009

Auguri senza se e senza ma... però con un tocco light: torta cacao, pere e cannella senza grassi aggiunti (con gustose variazioni a seguire)

Sì, lo so... Ho fatto quella lunga riflessione sul Natale, su come non lo sento e come non ne concepisco la portata, e adesso me ne vengo qua bel bella a porgervi i miei più caldi auguri. Un tantino incoerente eh? 
Non so se per dare un significato a questo, e al fatto che sono sempre caduta preda dell'usanza del "regalo a parenti-amici-conoscenti" e per giustificarmi ai miei occhi di atea integerrima, mi piace pensare a questi giorni di feste comandate (comandate da chi a proposito? chi è che comanda le feste? Da piccola pensavo che questo termine si riferisse allo Stato, perchè lo Stato disponeva che tutte o quasi le attività lavorative cessassero... ma adesso ho meno sicurezze di quel periodo di lieta fanciullezza, e una maggiore capacità di perdermi dietro alle parole, e questo comando non risulta più tanto scontato... ) come un pretesto per fare semplicemente gli auguri ai miei più cari, alle persone cui sono affezionata, alle persone in generale.
L'augurio non si limita, una volta fatto, al solo Natale. O meglio, negli ultimi anni i miei lunghissimi bigliettini di auguri (prolissi più o meno come le premesse che faccio alle ricette, avete presente?  ) si riferivano ad un più ampio contesto, a quello della vita intesa come campo di aspirazioni, di desideri, di speranze, di volontà; a tutto quello che vogliamo o che speriamo di realizzare, ai nostri sogni, a quello per cui stiamo lottando o lotteremo o vorremo lottare. Oppure l'augurio di trovare la forza d'animo per farlo.

Perchè limitarmi a fare gli auguri per una festa che non condivido?

Alla fine, non faccio che essere fedele alla resa etimologica del termine augurio stesso , 'Augurio ': l’aùgure, in latino  'àugurem ', era un sacerdote indovino che cercava di prevedere il futuro osservando e interpretando il volo degli uccelli o i sogni, ed era molto stimato dalla gente. La parola  'àugurem ' deriva da  'àugere ' che significa “aumentare”, probabilmente perché questo sacerdote era di solito ottimista e veniva considerato “la persona che dà l’accrescimento” insomma che dà qualcosa di positivo, di buono, che fa crescere, cioè “colui che dà presagi favorevoli”. La parola  'augurare '  deriva dal latino  'augurare ' che voleva dire “fare il lavoro di augure”, quindi “preannunciare notizie”, che, come abbiamo visto, erano di solito buone. Perciò quando noi, pur senza essere veggenti, facciamo gli auguri a qualcuno, in un certo senso gli prediciamo che gli succederanno tante belle cose.


E allora auguri cari miei. A tutti i colleghi blogger che mi leggeranno, ma anche a chi "non-blogger" passerà di qui perchè traviato da chissà quale motore di ricerca (il solito caro, vecchio Google per dirne uno). Auguri per tutto quello che volete, sperate, lottate, cercate. Auguri perchè quest'anno che sta per cominciare possiate ricordarlo come complessivamente positivo. Auguri perché possiate fiorire instancabilmente nella realizzazione piena di ciò che volete essere.
E AUGURI (già che ci siamo, non stona mai) per un'Italia più nuova, in cui la libertà di pensiero di parola di espressione non debba essere rivendicata come un privilegio ma sia semplicemente una cosa ovvia. Auguri a noi, perché continuiamo ancora a dire la nostra, a esprimerci in ciò che vogliamo, e perché abbiamo trovato Internet come canale di - per ora, almeno- piena libertà.

Come dolce augurale, vi lascio questa torta che mi piace definire light, così da non dovermi sentire in colpa nel dopo-Natale quando tutti, oberati da feste festini e cenoni, torneremo a fare i conti con la pesante realtà  : l'ha scoperto mia madre su Giboncook, anche se -ironicamente- già da un paio d'anni ne avevo scoperta una versione in pratica identica su Gustosa...Mente, limitandomi ad archiviarla come un'"eccentrica ricetta" a cui col passar del tempo non avevo più pensato (questa coincidenza l'ho scoperta per puro caso, spulciando nell'archivio annoso di ricette nel faticoso tentativo di ordinarlo).
Lode a mia madre che l'ha scoperta per altre vie! Si tratta di una delle più meravigliose scoperte culinarie dell'anno (che nel complesso è stato tutto meno che positivo, ma che quanto meno ha profilato una serie piuttosto cospicua di "scoperte culinarie" che hanno riempito la mia mente e addolcito il mio palato). E' una torta decisamente cioccolatosa con una caratteristica che mi permette di spacciarla come light, nonostante la grande quantità di cacao: non è previsto l'uso di grassi - né saturi né insaturi, né di origine animale né di origine vegetale- né di uova. 
Questo non inficia la riuscita della torta, che è perfetta e golosissima... non troppo dolce, è perfetta anche per la colazione (oltre che per ogni altro momento della giornata, è chiaro  )



Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Gaijina In Forma Con Gusto

 



nb piccolino che spero non rovini l'atmosfera augurale: In questi ultimi periodi blogger mi da' dei fastidi. Dal post sulla torta di uva e cipolle ho aggiornato abbondantemente, ma gli aggiornamenti non sono registrati da nessuna parte, a parte ovviamente sul blog stesso... Né sui blog che mi hanno tra i preferiti né nei programmi di aggregazione di blog, come Il bloggatore, a cui sono registrata... 
Non mi sembra di aver fatto niente per alterare il labile equilibrio su cui si regge il mo blog quindi non so cosa fare, come intervenire... avete mica idee o ipotesi da proporre? 



Non c'è epoca dell'anno più gentile e buona, per il mondo dell'industria e del commercio, che il Natale e le settimane precedenti. Sale dalle vie il tremulo suono delle zampogne; e le società anonime, fino a ieri freddamente intente a calcolare fatturato e dividendi, aprono il cuore agli affetti e al sorriso.
 (Italo Calvino: "Marcovaldo)



 
Torta con cacao, pere e cannella (senza grassi aggiunti)





Ingredienti (per uno stampo di 22 cm di diametro)
  • 200 g di farina 00
  • 200 g di zucchero semolato
  • 350 ml di latte di riso (io ho usato il latte di riso… è ovvio che voi potete usare il comune latte vaccino, oppure- se ne fate uso- un qualsiasi latte vegetale di vostra scelta)
  • 70 g di cacao amaro
  • 1 cucchiaino di cannella (se vi piace la cannella, secondo me è il caso di aggiungerne un altro poco, magari un altro cucchiaino… io l’adoro, la cannella, e il suo aroma era poco avvertibile)
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • ½ cucchiaino di bicarbonato
  • la scorza di 1 limone grattugiata
  • un pizzico di sale 
  • facoltativo: 2 pere piuttosto piccole (o una  bella grande, a seconda di cosa si ha a disposizione…)


Procedimento:  Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti asciutti: la farina setacciata, lo zucchero, il cacao, il sale, la buccia di limone, la cannella, il bicarbonato e il lievito; mescolateli.
Intiepidite il latte e quindi unitelo lentamente agli ingredienti nella ciotola mescolando con una frusta fino ad ottenere un impasto omogeneo, senza grumi e abbastanza fluido. 

A questo punto aggiungete le pere sbucciate e tagliate a pezzettini e amalgamate usando un mestolo di legno .
Versate nello stampo unto e infarinato (io ho usato il pangrattato per infarinare, di solito uso la farina di semola) e infornate in forno preriscaldato a 180° C per circa 35-40 minuti.
Lasciate raffreddare, sformate e cospargete di zucchero a velo.


E' una torta semplicissima, come avete potuto leggere, basata sulla divisione degli ingredienti secchi da quelli umidi, dal mescolare i secchi (farina, cacao, lievito, cannella etc) e dall'unirvi poi i liquidi. E poi ha quella caratteristica che me la fa amare ancora di più, è versatile in maniera impressionante.
Oltre a questa versione cacao-pere, infatti, ho mutuato dal web l'idea di aromatizzarla con succo di arancia: spremo un'arancia e peso il succo ottenuto e aggiungo latte od acqua fino ad ottenere i 350 ml di liquido; ometto le pere e aggiungo la scorza grattugiata dell'arancia.
Stasera io e mia madre abbiamo provato un'ulteriore variazione, una specie di simil-sacher (molto molto "simil" ovviamente ): preparata la torta senza mettervi le pere, l'abbiamo lasciata raffreddare bene, per poi dividerla a metà e spalmarla con della marmellata di albicocche scaldata in poca acqua; poi l'abbiamo ricoperta di una golosa salsa di cioccolato ottenuta sciogliendo 200 grammi di cioccolato fondente in 6 cucchiai di latte. Una vera e autentica bontà!


Adesso vi saluto davvero, augurandovi con trasporto liete e dolci festività e un anno pieno di promesse e di vittorie.
Un abbraccio forte
buona notte e (cadiamo nella retorica, why not?) buon Natale


Giulia







30 commenti:

  1. Il tuo blog è unico.

    Auguri anche a te!

    Gio

    RispondiElimina
  2. Semplicemente meravigliosa!!! :-)
    Però l'augurio per un 2010 pieno di gioia, valgono eh!!!
    Bacioni :-)

    RispondiElimina
  3. ahhhh dimenticavoooooo...torta serotoninica di buon auspicio...ne prendo una fetta...possibile 2?! ;-)

    RispondiElimina
  4. Giulia condivido in pieno! E non credo perché siamo incoerenti, ma perché riusciamo a vedere il bicchiere da tutt'e due i lati (Ok il bicchiere non ha lati... meglio prospettive: sopra e sotto!). Per cui estendo il mio augurio a te per tutto l'anno e... pure per tutti gli anni a venire!
    Buona la torta e versatile... light... soprattutto versione sacher... un po' meno!
    Baci... avremo tempo per sentirci in colpa!
    Stefania
    P.s. Anche se era scritto piccolo piccolo l'ho letto e non so dirti perché succede, ahimè non posso aiutarti!

    RispondiElimina
  5. AUGURI DI BUON NATALE!!!un abbraccio

    RispondiElimina
  6. I migliori auguri per un sereno e felice natale a te e in famiglia..un bacione!!!

    RispondiElimina
  7. eheh solo tu riesci ad allargare così tanto l'orizzonte dei concetti, fino a comprendere negli Auguri anche un auspicio per il nostro "caro" paesello! Così anche io ti faccio i più veri AUGURI, perché come te non credo più alle favole, ma credo negli affetti e nei legami.. e nelle torte come questa, che faccio spesso spacciandola per una sacher vegan ;)

    RispondiElimina
  8. bellissima la torta ! buon 2010 !

    RispondiElimina
  9. mia cara omonima, soprattutto auguri per un'italia nuova e migliore. "papi" ha già preannunciato un 2010 raccapricciante... :S
    la tua torta è deliziosa!

    un bacione, auguri a te
    *

    RispondiElimina
  10. Auguri per un sereno e creativo 2010, Renata.

    RispondiElimina
  11. May all your dreams come true and may you be blessed with all the best things in life! Happy New Year 2010! XO

    RispondiElimina
  12. eheh sorry, in effetti qui da noi sono rari, si trovano solo nei cesti natalizi! proverò a descriverli: buccia legnosa e rossastra, nocciolo enorme, frutto bianco gelatinoso, sa vagamente di uva.. vai su google che capisci subito cosa sono ;)
    ancora auguri!!
    un abbraccio
    zy

    RispondiElimina
  13. auguri per il nuovo anno, che ti porti serenità, pace e tante cose belle
    bacioni
    Fiorella e Francesca

    RispondiElimina
  14. Auguri carissimi di un Felice Anno Nuovo, Susy.

    RispondiElimina
  15. Buonissimala torta !
    Tanti auguri per un 2010 sereno e felice!

    RispondiElimina
  16. assolutamente necessario un po' di dolcezze in versione leggera!!! l'abbinamento cioccolato pere poi è divino!!! Bacioni

    RispondiElimina
  17. @Gio: Grazie... grazie davvero, i tuoi commenti mi riempiono sempre di grande piacere.
    un abbraccio e un buon anno (ormai iniziato da più d'una settimana...)

    @pagnottella: Un augurio epr un radioso 2010 l'accetto sempre :-) E per la torta, ahimé, per quanto durante le feste (dal 24 dicembre a ora intendo) l'ho ripetuta un paio di volte, adesso non ce n'è più una briciola in casa...
    Ma presto la ripeterò con gioia mia e dei miei familiari e se vuoi un paio di fette le asservo per te ;-)
    buona serata e un abbraccio
    ("torta serotoninica" che espressione sublime... ti spiace se la prendo a prestito?) ;-)

    @Stefania: Che tu li voglia chiamare lati o prospettive, ho colto in pieno quello che dicevi! :-)Anche a te auguri per questo 2010 (credo sia l'ultimo del primo decennio del XXI secolo...) e per tutti quelli che gli seguiranno!
    La versione sacher è un po' meno light ma davvero davvero golosa... l'ho portata alla cena all'ultimo dell'anno e ha riscosso un certo successo ;-)
    un abbraccio e grazie del commento

    @fiorix: Grazie carissima! Ricambio con calore... Mi auguro che il tuo 2010 sia iniziato floridamente e con soddisfazione.
    un abbraccio

    @Patapata: Che bello leggerti! :-) I tuoi commenti mi rallegrano sempre... Conosci anche tu questa torta? wow, mi fa davvero piacere!
    e condivido in pieno il tuo non credere nelle favole, ma piuttosto negli affetti e nei legami... perchè sono questi, alla fine, che contano...
    E io continuo a sperare in un miglioramento anche piccolo per il nostro Paesello... ma ahimè la vedo così bigia...
    Un abbraccio forte
    a presto

    @Ale: Grazie ^_^ Buon anno anche a te

    RispondiElimina
  18. @tartina: Ciao carissima! Come ho detto a Patapata (a cui aggiungo qui che ho cercato su Google i lynchées e ho capito cosa sono... almeno... ho capito rispetto alle foto che ho visto, perché io non li avevo mai visti... Grazie per l'indicazione!), io in questo paese continuo a sperarci un po', che migliori... alla fine ci sono un po' affezionata... e mi fa schifo vedere dove stiamo precipitando.
    Ma sorreggiamoci, noi che abbiamo ancora capacità critica e di giudizio, con le golose ricette che il web ci da' l'occasione di scambiarci! ;-)
    Un abbraccione e un buon week-end

    @Renata: Grazie! Un augurio forte anche a te... di un anno creativo (mi piace il termine che hai usato), soddisfacente, bello, pieno, ricco...
    grazie di esser passata di qua!

    @Nina's Recipes: Thanks. May the years that is beginning is full of joy and self-realization for you too. kisses

    @FeF: Grazie carissime! A entrambe un augurio di un meraviglioso anno
    un abbraccio

    @Susy: Ciao Susy e grazie del commento! Spero che il tuo 2010 sia iniziato bene... spero che lo ricorderai senza eccessivi rimorsi... se non con gioia piena...
    Un abbraccio

    @ñ¡¢ø£ëtå : Ciao cara! Eh sì la torta è davvero buona... oserei dire "la scoperta del 2009", anche se è un epiteto che ho affibbiato a un po' troppe ricette e mi sembra di essere un po' ridondante... E' una ricetta molto interessante comuneu ;-) Ti consiglio di provarla, perché merita!
    Un buon primo mese del 2010

    @Colombina: Condivido appieno sull'eccezionalità dell'abbinamento pere-cioccolato. E poi, la vita è così amara che si accetta sempre di buon grado la possibilità di addolcirla un po', e per di più con un tocco "lught"...
    Grazie di esser passata

    un abbraccio


    Giulia

    RispondiElimina
  19. ciao giu, buon annoooOooOooOO!!
    ebbene sì, ultimo esame, scritto + orale..il tempo non passa più..
    comunque x il tzatar: i miei genitori vanno quasi periodicamente in palestina e se ne procurano un bel po' per volta, comunque consiglio un mix di spezie che vuoi (alcuni mettono anche polvere di ceci!).. in effetti non se ne trova mai uguale, ognuno lo fa con le spezie che ha, di base però ci sono sempre timo, gomasio e sesamo. dicono che aiuti a ridurre il colesterolo! mah..

    RispondiElimina
  20. Ciao! perfetto il mix cioccolato e pere! da provare con la cannella!
    un bacione

    RispondiElimina
  21. buonissima dalla ricetta somiglia molto al dolce preparato da mia madre durante le feste natalizie ;)
    buona settimana,
    Marco Michele
    CN

    RispondiElimina
  22. oh my god..... meglio andare a mangiare và... mi è venuto appetito!
    PS: ciao, e passa da me se ti va ;)

    RispondiElimina
  23. Cheddire, semplicissima, magrissima ma profumata da morire!... Pere e cannella sono fantastiche assieme.
    Piacere, Rosmarina, una ragazza da (molto) recente in dieta che probabilmente avrà bisogno di questa torta! :P

    RispondiElimina
  24. @Patapata: Grazie per le indicazioni cara ^_^ In bocca al lupo per l'esame, spero farai sapere come andrà quando lo sosterrai...
    un abbraccio forte

    @manuela e silvia: Ciao! Trovo quasi esilarante il sapore della cannella, penso di essere fissata... Penso sia un tocco in più per un'accoppiata già vincente come il cioccolato e pere. Grazie del passaggio
    un abbraccio

    @Cinema Notizia: Grazie di essere passato e grazie del commento. Ohi, che curiosa coincidenza... quindi già conosci un po' il suo sapore eh? ;-)
    buona notte a presto

    @Malumore: Ciao e benvenuto. Bé, è un onore per me pensare che la mia ricetta abbia stimolato i tuoi succhi gastrici al punto da farti venire appetito... vuol dire che è un po' allettante, e questo mi riempie di narcisistico piacere ;-)
    un abbraccio
    p.s.: ci sono passata da te, bel blog che gai! :-)


    buona notte a tutti

    Giulia

    RispondiElimina
  25. Si.. peccato però che non ho mai cucinato un dolce in vita mia :(
    in tanti anni di università non ho mai infornato una torta nè farcito un bignè...
    di pasta però, quanta ne vuoi ;)
    devo assolutamente colmare le mie lacune, anche perchè sono un goloso di prima categoria.....

    RispondiElimina
  26. @Rosmarina: Ciao Rosmarina e benvenuta! :-) Rispondo al tuo commento adesso perché era ancora tra quelli da moderare e non mi era arrivato, chissà perché, l'avviso... Sul semplicissima e sul profumato concordo appieno; sul "leggerissima" avrei delle riserve, quanto meno sul -issimo finale ;-) Ma certo è molto più leggera di altre torte analoghe, e se sei a dieta e vuoi concederti uno sfizio dolce questa è senza dubbio meno dannosa di altri dolci magari simili di sapore. E poi la cioccolata migliora l'umore, e ti metterebbe in grado di affrontare la dieta con maggiore determinazione ;-)
    Un abbraccio e grazie del commento e del passaggio

    @Malumore: Ohi caro, se vuoi colmare le tue lacune allora questa torta qui ti è proprio consigliata. Unisce la semplicità immensa di preparazione con una autentica e insperata bontà, e quindi si adatta alla tua volontà di aggiornarti in ambito culinario e alla tua natura golosa ;-)
    Buona giornata
    un abbraccio


    Giulia

    RispondiElimina
  27. giulia, ciao!!!! la tua torta è perfettaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!! davvero, è favolosa: il mio sogno di dolce ideale pro-dieta: no burro no olio no uova!!!! ed è pure buona???? beh dalla foto direi di sì!!! l'ho già inserita nella raccolta... grazie mille per aver partecipato!!!!

    RispondiElimina
  28. Ciao Giulia, ho visto che hai inaugurato te la saga nata dall'amicizia tra Ricette 2.0 e CenerOntola: siamo orgogliosissimi di te e di questa nuova iniziativa.

    RispondiElimina
  29. @Gajina: ^_^ Sono contenta che la torta risulti visivamente di tuo gusto... se la provi sentirai come valga la pena anche in termini gustativi... senza burro, uova, olio e decisamente buona! (penso sia merito del cacao che rende tutto meraviglioso... ma è l'opinione di una "cioccolatomane" come sono io) ;-)
    un abbraccio

    @Riccardo: Ciao Riccardo... Sì, mi faceva piacere partecipare a questa bella iniziativa che avete inaugurato, tra un po' ne propongo un'altra (penso sia possibile che lo stesso foodblogger proponga più di una ricetta... non voglio inondare CenerOntola con le mie preparazioni, ma proporre quelle che ritengo meritevoli sì...)
    grazie del commento e buona serata


    Giulia

    RispondiElimina
  30. Ciao cara! vieni da me, finalmente è uscito il pdf dove puoi trovare la raccolta con anche le tue ricette!

    RispondiElimina

Ogni commento, ogni osservazione, ogni domanda è una traccia di voi che resta nel mio blog e nella mia mente, e per me motivo di gioia e soddisfazione. Per questo e non per altro chiedo la moderazione per tutti i commenti che ricevo, per non perderne nemmeno uno... ^_^

Job Posting

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails