"Perché una realtà non ci fu data e non c'è; ma dobbiamo farcela noi, se vogliamo essere; e non sarà mai una per sempre, ma di continuo e infinitamente mutabile"

(Luigi Pirandello)

venerdì 1 ottobre 2010

La Turchia nel cuore: ricordi, scoperte, nostalgie e bellezze di un'estate tutta particolare.

Sono un essere abominevole, lo so... sono tornata da più di due settimane, anzi quasi da tre, e ancora non mi ero decisa ad aggiornare, pur pensandolo e pensandoci ogni istante. Ci sono stati mille e mille impicci, fattori, questioni, che hanno ritardato il mio dovuto aggiornamento: anzitutto lo scombussolamentro da ritorno e la voglia di chiudersi al mondo esterno che m'ha assalito per la prima settimana; la necessità di riambientarsi qua, di cercare per quanto possibile di riorganizzarmi la vita, di scacciare le piccole malinconie e la voglia, costante nei primi giorni dal rientro, di versare qualche lacrimuccia; problemi tecnici con Blogger che mi assillano sul mio computer (sto scrivendo dal pc piccolo da viaggio che è di usufrutto di tutta la famiglia). Presa tra la mia inguaribile ed innata pigrizia e problemi tecnici e tecnologici indipendenti dalla mia volontà , mi ritrovo soltanto adesso ad aggiornare.
Tornata in una casa che all'inizio non sentivo più nemmeno tale, ho vissuto (per un periodo breve a dire il vero) la condizione del viandante, condizione che Friedrich Nietzsche privilegiava ma che mi rendo conto di trovare faticosa: ricca, florida, piena di esperienze e di confronti, ma carica del peso di non sentirsi mai davvero a casa propria. Adesso che di tempo ne è passato dal mio ritorno, so e sento che è questa casa mia, il posto del mio passato, dove sono cresciuta e mi sono formata, il posto del mio presente e del mio (almeno prossimo) futuro... ma il ricordo di Bodrum, della Turchia, della mia stagione estiva, mi resta saldo nella memoria e a volte batte in una zona vicina al cuore. Mi stupisco a sentirla un po' "mia", la Turchia, con le sue tradizioni, le sue contraddizioni, la sua gente e la sua lingua... in un processo di appartenenza che ha impiegato mesi per installarmisi in pancia e che s'è accentuato nell'ultimo periodo della mia permanenza a Bodrum.
E' difficile salutare come un ricordo un luogo e un contesto che è stato il posto dove per 3 mesi e mezzo (e non mi sembrano pochi) ho vissuto, interagito, costruito, fatto; è difficile archiviarlo come parte della propria vita passata, come altra dimensione trascorsa del proprio esistere. E' stato più facile - mi stupisce pensarlo - lasciare il contesto universitario; ma forse questa facilità è dovuta al fatto che per mesi, e ancora adesso, continuo a ruotare attorno all'asse universitario, avendo come amici e/o conoscenti ragazzi/e che fanno l'università, ritrovandomi spesso, quando vado a Pisa, nella mia ormai ex biblioteca o usufruendo (finché mi è attiva la tessera ) del servizio di mensa universitario. Per la Turchia il taglio è stato quasi totale: sì, certo, sono o potrei essere virtualmente in contatto (via Facebook) con tutti o quasi i miei ex colleghi animatori e con qualche ospite italiano che ho conosciuto durante i tre mesi. Ma il contesto è diverso, perché ancor più delle persone (anche se ce n'è qualcuna che mi manca davvero ) mi manca il contesto: il contesto delle abitudini quotidiane, settimanali, serali. Il contesto in cui alla fine avevo un ruolo e una collocazione, un contesto che mi dava sempre nuovi elementi da scoprire, una volta che ho deciso di aprirmi alla tradizione che mi circondava e di accoglierla come nuova conoscenza da accumulare.
Non è stato sempre così... sono arrivata davvero indifferente e insofferente a ciò che mi circondava. Le difficoltà mi si sono mostrate più grandi di quelle che mi ero figurata: ero presuntuosa, forse, o forse non mi ero aspettata di trovarmi così catapultata in un contesto talmente estraneo. Pensavo con l'inglese di cavarmela ovunque, pensavo di sapere un inglese migliore di quello che effettivamente sapevo; e probabilmente su carta il mio inglese era buono, ma in pratica è tutta un'altra cosa... e non avevo fatto i conti con la Turchia!
Arrivata i primi di giugno, gli ospiti erano quasi tutti turchi... e ben pochi parlavano inglese! Nemmeno una parola! Era asfissiante passare 8 ore e mezzo della propria giornata (ovverosia la mia giornata lavorativa diurna, in cui soggiornavo nel miniclub del resort) con bambini che (per ragione d'età) non parlavano una parola di inglese e non mi capivano, interagire con genitori che non parlavano inglese ma turco e sentire la mia collega dell'animazione internazionale ciacolare in turco con bambini e genitori, senza che riuscissi a capirci niente.
L'animazione internazionale... Io facevo parte del team di animazione del Tour Operator Turban Italia, che come già emerge dal nome era italiano: eravamo quattro e italiani e affiancavano l'animazione internazionale, costituita in realtà da turchi e da una minoranza russa. L'esperienza con l'animazione internazionale (l'"internazionale-turca", come amavo descriverla agli ospiti italiani) è stata una delle più dinamiche che abbia mai esperito: qualcuno, un Grande Fratello dell'Animazione (internazionale)turca, gestiva i suoi componenti facendoli ruotare da un resort all'altro ogni volta che si comportavano in maniera scorretta; così, in una stagione, ho visto passarmi davanti agli occhi più colleghi animatori di quanti ne avrei mai detti. Il team dell'internazionale è cambiato totalmente quanto meno un paio di volte; ci sono state apparizioni di nuovi animatori durate l'ordine di giorni; ho avuto tre colleghe diverse "di lunga data" al Mini Club, e un paio di apparizioni fugaci trasferite nell'arco di qualche giorno.
I primi tempi sono stata fermamente convinta di tornare a casa: pagare la penale, pagarmi il viaggio di ritorno e risarcire l'andata, e tornarmene in Italia. Non ne potevo davvero più di sentirmi così tagliata fuori, di non capire niente né del turco (per ovvi motivi) né dell'inglese... già perché il mio inglese messo in pratica non era tanto buono e non mi permetteva di comprendere tutto. Per non parlare dei miei interlocutori... perché l'inglese parlato dai turchi è qualcosa di sostanzialmente incomprensibile. Sono stata zitta (e dico, zitta! ma dove mai s'è vista una Giulia che tace? ) per le prime due settimane cercando di farmi l'orecchio alla parlata dei miei colleghi turchi quando parlavano inglese; e per fortuna questo orecchio l'ho fatto. Ma ciò non cacciava ancora la sensazione sconfortante di smarrimento totale, di solitudine, di non essere a posto e nel posto dove stavo.
E se speravo (illusione della presuntuosa, senza dubbio) di "consolarmi" (per quanto possibile) con lo spettacolo serale, anche qui mi sono scontrata con una sonora delusione: per motivi che ancora mi sono ignoti - perché non suffragati da evidenze empiriche, da prove effettive o simili - il capo dell'internazionale aveva optato per la mia incapacità totale sul palco, relegandomi ai ruoli più marginali. E' vero, sono una schiappa a ballare, ma credo sul palco, come "attrice", di cavarmela decentemente: e mi indignava - come ancora mi lascia perplessa- il modo in cui mi aveva catalogata come "incapace" senza avermi mai davvero visto sul palco. L'unica consolazione vera, è che alla fine ero diventata la "cameraman" del team.
... in ogni caso, comunque, ruoli veri non ne ho avuti mai. E questo all'inizio ha rappresentato per me una piccola tragedia. Sembra stupido, lo so perfettamente, è stupido, è stato stupido; ma l'essere esclusa in questo modo dai giochi mi faceva sentire accettata a metà, o in parte, o mal tollerata, e incrementava ancor più il disagio di sentirsi linguisticamente tagliata fuori (almeno in parte) dalla vita del resort.
Poi le cose hanno cominciato a cambiare. Non ricordo bene quando... anche se forse è stato semplicemente quando siamo entrati nel vivo della stagione, quando gli ospiti sono stati tanti, quando ho avuto italiani a cui badare, e non più tempo per farmi certe "seghe mentali". Non ho più pensato (se non di sfuggita) alle parti che non ho avuto mai, più pensato alla voglia di tornare a casa, che in realtà non c'è più stata; non che mi trovassi sempre e comunque bene, il mio umore era se possibile ancora più volubile del solito, alternando giorni di serenità a giorni di noia di sconforto di disorientamento di rabbia.
Ma ero comunque là, a Bodrum, a Yali Ciftlik, al Latanya Beach Resort; e non avrei voluto essere in altro posto, o quanto meno non ci pensavo minimamente, ad essere altrove. Nei periodi più bui ho più che altro pensato e/o desiderato di "non essere"... ma la mia collocazione reale rimaneva comunque e sempre la Turchia.
E come ho imparato ad amarla! La Turchia, intendo, e alla fin fine anche la mia vita lì, con ciò che aveva di buono e di cattivo, di piacevole e di spiacevole: la sveglia la mattina alle 7 e 30, poi spostata alle 8 o alle 8 e 30 per poi diventare standard alle 7 e 45 così da fare in tempo colazione nel ristorante dello staff (infatti noi animatori potevamo fare colazione e pranzo non nel ristorante principale ma in quello dello staff, cioé di quelli che lavoravano nel resort: dai camerier ai cuochi agli house-keeping al fotografo etc....), gli innumerevoli meeting giornalieri che alla fine avevano perso in parte il loro senso, l'apertura del mini club alle 10, il pranzo alle 12 e 30, le prove alle 13 - quando c'erano prove- l'apertura pomeridiana del mini club e la chiusura agognata, la cena nel ristorante principale, lo spettacolo serale, la tragica e universalmente odiata ora nella discoteca del resort, da mezzanotte all'una di notte.
Una volta che ci sono stati ospiti italiani, il momento della chiusura del mini club, oltre che i quaranta minuti di cena, erano il mio preferito... quello del contatto, che per gli animatori "diurni" (i non-mini clubber, per intendersi) era routine, era lavoro, era dovere, e che anche nei momenti in cui mi sono sentita professionalmente un'inetta e umanamente un'incapace per me ha rappresentato la più bella attività e la migliore consolazione: la conoscenza e la chiacchiera con gli ospiti (anche con gli stranieri potevo parlare, ovviamente, ma i miei preferiti, per motivi linguistici oltre che professionali, erano ovviamente gli italiani).
Ad agosto ne abbiamo avuti anche 200, di italiani (cifra che non fa certo girare la testa, ma che era alta per un resort che aveva la capienza di più o meno 500 persone), ed è stato il mio momento preferito, anche se in teoria doveva essere il più impegnato, stancante e impegnativo (ma di bambini italiani, che dovevano essere i miei "obiettivi" prediletti, ad agosto non ce ne sono stati tanti); adoravo vagare per la spiaggia, nonostante la stanchezza di 8 ore e mezzo di lavoro (sì, era mini club, ma vorrei vedervici voi a sopportarvi per ore bambini urlanti che di solito parlavano linguaggi a me incomprensibili ), a cercare i braccialetti verdi (infatti gli ospiti maggiorenni avevano braccialetti dell'All Inclusive di colore diverso a seconda della nazionalità di appartenenza... e gli italiani erano verdi), a intavolare presentazioni, chiacchiere, discussioni; o a parlare con quelli che già conoscevo.
Le settimane alla fine sono volate... ma ogni settimana era per me un'eternità. Ho avuto una percezione distorta e fallace del tempo, perché una settimana era una vita, era il tempo in cui di solito ogni ospite restava e in cui dovevo con i nuovi italiani creare nuove conoscenze, nuovi equilibri, nuovi modi di stare insieme. Le settimane si sono rincorse una dietro all'altra, ma quando una settimana finiva, e dovevo accompagnare qualche ospite italiano all'aeroporo (e/o accogliere qualcuno in arrivo... era l'impegno settimanale del lunedì, giorno in cui gli arrivi e le partenze degli italiani erano "di massa" e in cui noi 4 animatori italiani affiancavamo l'asssistente Turban e lo aiutavamo nel suo compito), mi sembrava che fosse passata un'eternità da quando avevo accompagnato gli ultimi, o da quando li avevo visti andare via. Poteva essere davvero avvilente... sono riuscita a sopravvivere cogliendo e conservando di ognuno quello che di buono mi ha dato, i bei discorsi che ho fatto, le risate che mi hanno suscitato, le cose che ho imparato.
Tutti mi hanno dato qualcosa di bello, un bel ricordo da conservare, belle parole da ricordare, belle storie e suggerimenti letterari. Ho un ricordo dolce dei bambini che ho avuto... pochi a dire il vero, perché pochi sono stati i bambini italiani sotto i dodici anni in tutta la stagione: si vede non era un resort gettonato per famiglie; un ricordo bello di Sara, Giulia, Giulia, Chiara, Ilaria, Vladi, Giulio, Riccardo, Camilla, Giorgia, e anche di Giuseppe e Lorenzo che non sono mai stati nel mini club ma che mi facevano visita tutti i giorni. Vladi che mi ha insegnato a fare gli aeropolanini di carta. Sara e Giuseppe che, in due periodi totalmente diversi (l'una a luglio e l'altro ad agosto), mi hanno insegnato e perfezionato la produzione di barchette di carta. Giulia che con la sua timidezza e la sua fantasia e la sua riservatezza mi ricordava me stessa alla sua età. La coppia Giulio-Riccardo che ho contribuito io a formare e con cui formavo un terzetto di cui ancora ho nostalgia.
E anche i bambini di altre nazionalità! Che dolci ricordi, alla fine... a volte mi hanno consolata di giornate andate così così. Bambini turchi, russi e polacchi con cui a volte è scattato qualcosa, un'affinità o una simpatia di pelle... e alcuni li ricordo ancora con affetto, anche quelli conosciuti a giugno e che quindi affondano nella mia storia remota.


Il mio regno, il Mini Club
Agosto ha contribuito a consolidarmi nel Latanya Beach Resort, ed è con agosto che ho cominciato a sentirmi più parte di una specie di team: con agosto o forse un po' prima, con la metà di luglio... Anche se la gente dell'animazione internazionale ha continuato ad andarsene e a cambiare. Alla fine, a settembre, mi sentivo proprio parte del Latanya: oltre agli animatori che ringrazio calorosamente di essermi stati vicini per tutta la stagione (questo pensiero rivolto particolarmente a Nicolò, Davide e Marcella, gli altri italiani) o per parte di essa, sia che ci fosse tra noi simpatia, attrazione, indifferenza, conoscevo tanti camerieri, cuochi, baristi, le house-keeping... e tutti loro, tutti, voglio ringraziare, anche quelli di cui non ricordo o non ho mai saputo il nome, quelli che pur avendo salutato solo di sfuggita mi tenevano da parte i biscotti o la frutta dal bar, che sapevano il mio nome anche se a me sembrava di non averli mai visti.
E con loro ho imparato a conoscere, ad amare, la Turchia, con le sue tradizioni i suoi usi le sue musiche e le sue abitudini. Con le sue feste e col suo modo di (non) essere musulmana, perché tanti ci tenevano a ribadire che la Turchia non è musulmana anche se il 90% dei suoi abitanti professa quella religione.
Ad amare (ma questo l'ho amato fin dal primo giorno che ho messo il naso fuori di camera) il mare che avevo di fronte e nelle orecchie ogni giorno e che nel giorno libero mi dava il buongiorno ancor prima della colazione (era d'uso per me fare nel giorno libero il bagno appena svegliata, prima del bucato della spazzata in camera della colazione):


Spettacolo questo che a mio parere batteva di mille volte quello del mare - ugualmente cristallino e meraviglioso, certo, ma molto più artificioso - di fronte al resort... Noi animatori dormivamo infatti in un motel appena di fianco al resort ma che aveva la spiaggia divisa da quella del resort:


E ancora la meraviglia del mare che ho potuto ammirare nella gita in barca fatta con tre delle mie colleghe o su una piccola caletta cui mi ha condotta una mia conoscenza turca... il mare che sapeva di bello e di selvaggio, quel selvaggio che tanto mi ha rapita della Turchia.


Dalla barca:





La caletta di mare turco a Yali Ciftlik:



Quella parte di Turchia che ho visto io era la presenza selvatica della natura, quel selvaggio di cui nei giorni liberi andavo in caccia, estasiandomi del fatto che fichi abbandonati giacevano ai bordi delle strade carichi di frutti maturi o quasi maturi, tanto che una volta ciu ho fatto una scorpacciata pazzesca e ne ho raccolti a chili portandoli in stanza per me e la mia coinquilina (l'altra animatrice italiana) Marcella... ma ne ho raccolti troppi e molti sono ammuffiti prima che potessi addentarli , degli olivi (una volta appurato che di olivi si trattava) che sbucavano ovunque, anche nel parco giochi del mini club, dei cani liberi e dolcissimi, delle mucche che brucavano sui bordi delle strade, delle galline che vagavano indisturbate per i vicoli e che fornivano le uova che mangiate al resort, delle oche che ho incrociato una mattina.... (quelle della foto)








E qui un gatto (anzi, IL gatto boss del villaggio... c'erano molti gatti che vagavano nel resort ma quello che ho fotografato aveva il dominio indiscusso ed era con gran probabilità padre di molti di quelli che ho conosciuto a giugno piccoli e ho salutato a settembre in piena adolescenza):



La Turchia, il paese delle contraddizioni, della modernità e della tradizione, il paese in cui la pillola del giorno dopo si vende in farmacia senza ricetta e in cui in certe zone le donne devono ancora coprirsi, dove le ragazze vanno all'università, si laureano, lavorano e vengono in vacanza e dove alcune matrone fanno il bagno vestite e velate, dove chiunque ha Internet ma non tutti riescono a essere consapevoli che il mondo non si ferma ai confini turchi, o che comunque il resto del mondo non conosce le usanze e le tradizioni turche. A metà, davvero, tra Oriente e Occidente (dando a questi due termini l'inesatta accezione di "tradizione, chiusura" e di "modernità, progresso"), tra chiusura e avanzata. E ricco di storia, di tradizioni, di culture; un paese che non avevo mai creduto potesse essere così bello, così ricco, così intrigante in ciò che ha di stridente... Pieno di storia, che ho apprezzato concretamente solo una volta intrufolandomi durante il giorno libero nmella gita organizzata dalla Turban ad Efeso, antica città di cui ci restano solo rovine, città colta, città ricca, che aveva un enorme anfiteatro, una bella biblioteca, di fronte alla quale mi sono fatta fotografare dalla mia ex professoressa di psicologia dell'Università... che era stata a Istanbul per poi riposarsi al Latanya, e ha avuto me come animatrice! Che giochi che ci fa la casualità... non vedersi mai a Pisa (e sì che per un periodo ci ho girato tanto) e incrociarsi in Turchia.





Con due foto concludo per ora la mia malinconica reminiscenza: una mi è stata scattata il 30 agosto (giorno in cui ricorre la fondazione, se così si può dire, della repubblica turca) nella mia vestitura ufficiale da animatrice e da mini clubber, con la coroncina di rami di ulivo manufatta che ho indossato per un mese (ovviamente rifacendola ogni 2-3 giorni) facendo ridere e divertire i bambini ma anche gli adulti e guadagnandomi così una certa spiccata identità, cercando di sfuggire all'anonimità cui ho sempre visto relegate le mini clubbers.
E l'altra scattata un di' forse di fine luglio, al concludersi del nostro grande show del sabato, Snowhite, in cui avevo una misera parte finale che però ho portato con orgoglio: il prete (io che son così anticlericale!) che fustigava tutti con prezzemolo immerso nell'acqua... una goduria, ci potete scommettere!


Chiudo così, senza ricette, senza accenni gastronomici, questa carrellata di rimembranze, che non è che la prima di una lunga serie (che in realtà potrebbe contare solo due post: questo e il prossimo che verrà). Successivamente farò ben più riferimenti alla cucina e alle usanze gastronomiche turche, che ho potuto assaporare per tre mesi... (godendo però di foto non mie ma rubate da Internet... perché disgrazia volle che sia cellulare che macchina fotografica si siano rotti a metà luglio costringendomi a racimolare altre foto dagli ospiti o dai miei colleghi italiani).
Vi do (e mi do altrettanti) un bentornato nel mondo del mio blog, sperando di riuscire ad aggiornarlo più in fretta e con goduriose e gustose novità.
Un abbraccio e un merhaba ("ciao" in turco) a tutti e a riaggiornarci presto con "Ricordi della Turchia: parte 2 (l'universo gastronomico)"




Giulia




















14 commenti:

  1. Ciao Giulia! Bentornata!! Quante emozioni dà viaggiare, belle e brutte, le hai descritte benissimo... mi è piaciuto soprattutto il fatto che, nonostante sulle prime te ne volessi andare, ti sei fatta forza, e con umiltà ti sei adattata alla situazione... questo ti avrà fatto crescere moltissimo, ne sono certa :)
    Brava! Adesso aspettiamo le ricettine turche però!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Ciao tesoro!!!Bentornata!!Che belle foto e che bei racconti!!!Sono contenta di rivederti!!!Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  3. bentornata Giulia^;^ complimenti per la tua esperienza e per il tuo coraggio!!aspettiamo le ricettine turche,allora^;^ a presto cara:-* anzi..merhaba :))

    RispondiElimina
  4. ciao giu!!!!!!!!! sono contentissima del tuo grande ritorno e ansiosa di leggere il tuo resoconto!! ora ho pochissimo tempo, queste settimane sono terribilmente stressanti per me, non ho tempo nemmeno di cucinare, con mia grande amarezza :(((
    appena mi libero da questi fardelli, leggo tutto! un bacione*
    zy

    RispondiElimina
  5. Ciao Giulia! Complimenti anche per le tue preparazioni panose, con il tuo lievito madre! :D Bravissima!!
    Bel resoconto della tua esperienza!Sono luoghi che mi piacerebbe visitare.
    Un bacio e grazie del tuo commento da me ;D

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. Giulia , che bel blog che hai ,bella esperienza in turchia, con calma mi leggo tutto il blog ti ho messa tra i preferiti!!
    Complimenti a presto baci Anna

    RispondiElimina
  8. ...dimenticavo..Grazie della visita che mi hai fatto ^__^

    RispondiElimina
  9. ciao, sono valentina, una nuova sostenitrice del tuo blog...bellissimo,davvero complimenti!ti seguirò, un abbraccio...

    RispondiElimina
  10. Ma che bel reportage Giulia, ci hai fatto rivivere la magia del tuo viaggio!

    RispondiElimina
  11. ciao, bentornata!
    passo per dirti che se ti fa piacere sul mio blog è disponibile il pdf della raccolta "basta un poco di lievito!" a cui hai partecipato anche tu.
    Ti aspetto, baci.

    RispondiElimina
  12. Grazie e grazie e grazie ancora a tutti per avermi accolto di nuovo tra i foodbloggers con tanto calore ^_^

    @Magie dolci: Ciao! Sono contenta che il mio scritto sia riuscito a trasmetterti questo che è, in effetti, proprio quello che ho vissuto. Ha stupito anche me, credici, questo aver voluto in ogni caso andare avanti nonostante tutto. Grazie del commento e a rileggerci presto

    @groppona: Grazie. Anche se ormai la mia presenza è divenuta nuovamente habituée in casa e il "bentornato" suona quasi inopportuno ;) (sarà che commento dopo quasi un mese la pubblicazione del post :P )

    @Ambra: Ciao zietta ;) Sono contenta di rileggerti, presente come sempre, sia nei commenti che nel tuo blog in continuo aggiornamento. Un abbraccione e a rileggerci presto

    @Elisabetta: Merhaba carissima. Sono contenta di leggerti e di leggere che il mio resoconto ti ha soddisfatta. Sulle ricette turche ho cercato di aggiornare nel miglior modo possibile, pur avendone provata solo una for my own ;)

    RispondiElimina
  13. @Patapata: Buongiorno donna impegnatissima! Prenditi tutto il tempo che vuoi, quando puoi, per leggermi e commentarmi, "critiche" (in senso buono, kantiano) sempre costruttive. A presto e un bacione :*

    @Trattoria Trinacria: Buongiorno. Grazie della segnalazione... Milano è un po' lontana da me per visitarvi fisicamente, ma già da un po' vi seguo con piacere a livello virtuale :)

    @Anna: Ciao cara! Che piacere leggerti... Sono felice che la mia esperienza e il mio raccontarmiti siano piaciuti. A rileggerci e commentarci presto. Un abbraccio

    @Valentina: Ciao, sono felice che il mio blog ti sia piaciuto. Spero di leggerti ancora e di avere da te critiche, consigli, osservazioni etc... :)

    @Giulia: Buongiorno Giulia! Leggo con piacere il tuo commento, sono davvero felice di aver trasmesso (quasi involontariamente) tutte le emozioni che ho vissuto. A presto e un abbraccio


    @Betty: Grazie! Sia del bentornata che della segnalazione della raccolta in .pdf (che già da quando me l'hai detto ho salvato e che custodisco nei miei file privati). Ne approfitto per invitarti alla mia di raccolta, "Madeleines mon amour"... A presto


    A tutte buon fine settimana, sperando di rileggerci il prima possibile (mi impegno ad aggiornare e a rispondere in tempi più umani ;) )


    Giulia

    RispondiElimina

Ogni commento, ogni osservazione, ogni domanda è una traccia di voi che resta nel mio blog e nella mia mente, e per me motivo di gioia e soddisfazione. Per questo e non per altro chiedo la moderazione per tutti i commenti che ricevo, per non perderne nemmeno uno... ^_^

Job Posting

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails